Indici di prezzo del petrolio: quali sono?

Un “benchmark del greggio” è un petrolio grezzo che funge da prezzo, o indice, di riferimento per acquirenti e venditori di petrolio greggio. Ci sono tre benchmark primari: il Brent – il petrolio estratto dalle piattaforme del Mare del Nord – è il benchmark di riferimento per circa due terzi del petrolio scambiato in tutto il mondo, mentre il WTI è il riferimento dominante negli Stati Uniti e il Dubai/Oman è influente nel mercato asiatico. Un altro benchmark ben noto è il cestino di riferimento “Crude Oil OPEC” utilizzato dall’OPEC, i cui Stati membri controllano circa l’80% delle riserve accertate del petrolio mondiale.

Per il consumatore medio, è facile avere l’impressione che esista un unico mercato mondiale per una fonte energetica cruciale come il petrolio. In realtà, ci sono diversi tipi di petrolio grezzo – il liquido denso e non trasformato che i trivellatori estraggono sotto terra – e alcuni sono più desiderabili di altri. Ad esempio, è più facile per i raffinatori produrre benzina e gasolio dal petrolio a basso tenore di zolfo o “dolce” rispetto al petrolio contenente delle elevate concentrazioni di zolfo.

Anche il petrolio greggio a bassa densità – o “leggero” – è generalmente preferibile alla varietà ad alta densità per lo stesso motivo. Ma il “da dove” proviene l’olio fa la differenza anche se sei un acquirente. Infatti, meno costoso risulta il prendere in consegna il prodotto, e più in generale sei disposto a pagare per questo. Dal punto di vista del trasporto, il petrolio estratto in mare presenta alcuni vantaggi rispetto alle forniture terrestri, che dipendono dalla capacità dei gasdotti.

A causa di queste sfumature, gli acquirenti di petrolio greggio – insieme con gli speculatori che non prenderanno mai in consegna la merce – hanno bisogno di un modo semplice per valutare la merce in base alla sua qualità e posizione. Gli indici di riferimento, o benchmark, come il Brent, il WTI e il Dubai/Oman servono a questo importante scopo. Quando ad esempio i raffinatori acquistano un contratto Brent, hanno una buona idea di quanto sia buono il petrolio e da dove arriverà.

C’è sempre uno spread tra petrolio WTI, Brent e altre miscele a causa della relativa volatilità, dolcezza/acidità e dei differenti costi di trasporto.

Oggi gran parte del commercio globale avviene sul mercato dei futures, con ogni contratto legato ad una certa categoria di petrolio. Per la natura dinamica dell’offerta e della domanda, il valore di ogni indice di prezzo di riferimento – cioè del benchmark – cambia continuamente. Esistono decine di diversi benchmark petroliferi, ognuno dei quali rappresenta il petrolio greggio proveniente da una particolare parte del globo. Tuttavia, la maggior parte di questi sono ancorati a uno dei tre benchmark primari:

Brent – Circa i due terzi di tutti i contratti grezzi di tutto il mondo fanno riferimento al Brent, rendendolo l’indice più utilizzato di tutti. Oggi, il “Brent” si riferisce in realtà al petrolio di quattro diversi giacimenti nel Mare del Nord: Brent, Forties, Oseberg ed Ekofisk. Il greggio proveniente da questa regione è leggero e dolce, il che lo rende ideale per la raffinazione di gasolio, benzina e altri prodotti ad alta richiesta. E poiché l’approvvigionamento è trasportato via acqua, è facile da trasportare in luoghi lontani.

West Texas Intermediate (WTI) – Il WTI si riferisce al petrolio estratto dai pozzi negli Stati Uniti e inviato via gasdotto a Cushing, in Oklahoma. Il fatto che le forniture siano prive di barriere architettoniche è uno degli svantaggi del greggio del Texas occidentale: è relativamente costoso spedire in alcune parti del mondo. Il prodotto stesso è molto leggero e molto dolce, il che lo rende ideale per la raffinazione della benzina. Il WTI è il principale riferimento per il petrolio consumato negli Stati Uniti.

Dubai/Oman – Questo greggio mediorientale è un utile riferimento per il petrolio di qualità leggermente inferiore rispetto al petrolio WTI o al Brent del Mare del Nord. Un prodotto “paniere” composto da greggio di Dubai, Oman o Abu Dhabi, in pratica, risulta essere un po’ più pesante e ha un contenuto di zolfo più elevato, il che lo colloca nella categoria “aspro”. Il Dubai/Oman è il principale indice di riferimento per il petrolio del Golfo Persico che viene consegnato al mercato asiatico.

Un altro benchmark ben noto è il cestino di riferimento “Crude Oil OPEC” utilizzato dall’OPEC, l’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, fondata nel 1960 e comprendente 12 Paesi. Si tratta di un indice molto importante e utile, poiché, secondo le stime attuali, l’81,5% delle riserve di petrolio grezzo comprovate nel mondo si trova nei paesi membri dell’OPEC, con la maggior parte delle riserve di petrolio dell’OPEC in Medio Oriente, pari al 65,5% del totale dell’OPEC.

Il paniere di riferimento del “Crude Oil OPEC”, introdotto il 16 giugno 2005, risulta essere attualmente composto dai seguenti tipi di petrolio grezzo: Saharan Blend (Algeria), Girassol (Angola), Oriente (Ecuador), Zafiro (Guinea equatoriale), Rabi Light (Gabon), Iran Heavy (Repubblica islamica dell’Iran) , Bassora leggera (Iraq), Kuwait Export (Kuwait), Es Sider (Libia), Bonny Light (Nigeria), Qatar Marine (Qatar), Arab Light (Arabia Saudita), Murban (EAU) e Merey (Venezuela).

Quote delle riserve di petrolio accertate dei Paesi dell’OPEC (2016).

L’OPEC nacque come risposta dei paesi produttori di greggio al predominio economico delle aziende petrolifere straniere, principalmente anglo-americane, che fin dagli anni Venti e Trenta, attraverso una serie di concessioni per l’estrazione, esercitavano un controllo pressoché assoluto sulla filiera produttiva. È importante notare come le esportazioni di petrolio rappresentassero, e rappresentino tutt’oggi, la quasi totalità delle esportazioni di molti Paesi, principalmente quelli del golfo Persico.

I membri dell’OPEC costituirono un cartello il cui scopo era – ed è – quello di concordare la quantità e il prezzo del petrolio che queste nazioni esportano. Attraverso degli sforzi coordinati, l’OPEC cerca di regolare la produzione petrolifera e di gestire quindi i prezzi del greggio, principalmente stabilendo delle quote per i suoi membri, che, oltre a detenere all’incirca i 2/3 delle riserve mondiali di petrolio, forniscono il 40% della produzione mondiale di petrolio e la metà delle esportazioni.

Le decisioni dell’OPEC hanno una considerevole influenza sui prezzi internazionali del petrolio. Contrariamente ad altri cartelli, l’OPEC è riuscita con successo a incrementare il prezzo del petrolio per lunghi periodi. In particolare, l’Arabia Saudita ha una buona capacità di influenzare il prezzo del petrolio a livello mondiale, poiché – con molti membri a produzione piena – l’Arabia Saudita è l’unico membro con capacità di scorta, e la possibilità di aumentare la produzione se necessario.

Puoi trovare maggiori informazioni sull’argomento e, soprattutto, abbattere notevolmente la tua bolletta energetica con la guida pratica alla scelta del fornitore luce e gas sul mercato libero, che puoi trovare qui. Non capisco, infatti, perché in Italia si debba continuare a pagare l’energia più che in tutta l’Europa!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *