Misurazione dei consumi domestici: i vari metodi

Misurare il consumo energetico della propria casa è il primo passo verso la ricerca di modi per diminuirlo. Sebbene quasi ogni casa abbia un contatore elettrico, di solito mostra solo l’energia domestica totale (kWh) consumata, anche se quelli elettronici includono anche la potenza istantanea utilizzata (kW). E il misuratore di solito è posizionato dove è conveniente per il distributore, non per te, leggerlo. Ma le persone attente al risparmio energetico possono oggi scegliere tra diversi prodotti che misurano e registrano il consumo di elettricità visualizzando le informazioni su uno smartphone o sullo schermo di un computer.

Se si desidera utilizzare i dati energetici per ridurre l’utilizzo dell’elettricità – o convincere altri membri della famiglia ad adottare comportamenti di risparmio energetico – un sistema di monitoraggio energetico è utile. Serve anche per vedere quanto grande deve essere un generatore di backup di cui hai bisogno in caso di blackout, o quanto grande è il sistema fotovoltaico di cui hai bisogno per la tua casa. Forse vuoi solo identificare i maggiori carichi di elettricità ed i picchi di consumo nella tua famiglia.

La gestione energetica domestica consiste nel rilevare la quantità di elettricità utilizzata dalla casa o dall’appartamento, quindi trovare i modi per risparmiare. Monitorare il consumo energetico della propria casa, tuttavia, non è sempre facile: come misurare l’elettricità utilizzata da qualsiasi apparecchio, per non parlare dell’intera casa? Fortunatamente, un numero crescente di soluzioni economiche ed ecologiche è apparso sul mercato per coloro che vogliono risparmiare energia e denaro.

I contatori intelligenti (smart meter) sono misuratori di energia altamente accurati, ma di solito sono anche al di fuori del vostro controllo. Si tratta di contatori digitali installati dalle società elettriche, casa per casa. Inviano segnali wireless (o talvolta lungo la linea elettrica) per mostrare la quantità di elettricità che la casa utilizza nel suo complesso, ogni 15 minuti. Ciò rende davvero facile per le aziende elettriche controllare l’utilizzo di energia a distanza, le quali a volte danno accesso a report periodici a riguardo.

Il contatore elettrico intelligente “Open Meter” installato da e-Distribuzione.

Se hai da poco un contatore elettrico di nuova concezione con lettura digitale, probabilmente hai un contatore intelligente. Alcuni lo chiamano anche “smart meter” da qualche parte sull’involucro. In tal caso, accedete al sito web della vostra compagnia elettrica e vedete se è possibile utilizzare una particolare opzione di monitoraggio per monitorare l’utilizzo totale di energia, in genere da un giorno all’altro. Molte aziende forniscono anche guide su come ottenere questi numeri.

Un sistema di monitoraggio domestico

Se non si dispone di un contatore intelligente o si desidera un monitoraggio più personalizzabile del consumo energetico in tutta la casa, è necessario un sistema di monitoraggio domestico. Questi sistemi richiedono una quantità significativa di configurazione, utilizzando una serie di componenti che si installano nella cassetta degli interruttori o in giro per la casa. Un po’ di esperienza nel cablaggio è molto utile, ma questi sono progettati per essere usati da tutti i tipi di proprietari di case.

Un tipico sistema di monitoraggio dell’energia domestica include sensori, un hardware e software per raccogliere i dati e un display per ricevere e visualizzare le informazioni. Le informazioni standard includono il consumo di energia in kilowattora (kWh) e la potenza assorbita in kilowatt (kW). Spesso, i monitor includono il costo dell’elettricità consumata e alcuni consentono la programmazione dell’accensione e dello spegnimento di determinati elettrodomestici e apparecchi in base alle tariffe orarie.

I sensori sono cablati o comunicano le informazioni (scaricabili in un foglio di calcolo) in modalità wireless tramite data-logger o trasmettitori che, a loro volta, inviano dati a un display locale. Alcuni sistemi non hanno bisogno o non usano un display separato. Questi trasmettitori sono collegati al router in modo che possano comunicare all’interno di una rete locale (LAN) e / o tramite server di terze parti su Internet. Diversi trasmettitori e gateway richiedono un alimentatore e consumano da 3 a 10 W.

I sistemi di monitoraggio energetico richiedono sensori in ogni punto di misurazione. I trasduttori di corrente (CT) e i sensori di impulso sono i due tipi più comuni. I primi facilitano l’installazione negli impianti elettrici esistenti, poiché è possibile aprire la loro “ciambella” e quindi chiuderla intorno al filo. Quando una corrente alternata fluisce attraverso il sensore, genera una tensione proporzionale al flusso di corrente. Questa tensione viene misurata dall’elettronica e convertita in una lettura.

Un semplice kit di monitoraggio dei consumi che è in vendita su Amazon.

Allo stesso tempo, la tensione nel circuito viene misurata direttamente, e la semplice moltiplicazione si traduce nella potenza assorbita, misurata in kW. Basta poi includere il tempo trascorso ed anche l’energia consumata (in kWh) può essere calcolata. Il sensore di impulso, invece, è abbastanza sofisticato da riuscire a contare gli impulsi elettronici effettuati dal contatore del vostro distributore. Molti contatori di energia elettrica, gas e acqua, infatti, sono dei misuratori di impulsi.

I sistemi di monitoraggio dell’energia possono in genere venire gestiti da remoto e non tutti hanno un proprio display. Alcuni offrono un’app per smartphone, mentre in altri i dati possono essere visualizzati con qualsiasi browser web. Alcuni offrono anche il controllo remoto di termostati compatibili, supportati da Wi-Fi e di terze parti. Altri offrono allarmi programmabili dall’utente, che possono aiutarti a informarti su condizioni potenzialmente preoccupanti, come un guasto alla pompa di pozzetto.

Altri metodi per monitorare i consumi

In alternativa, puoi usare dispositivi chiamati “smart plug”, o spine intelligenti, per il monitoraggio e il controllo dell’energia di un singolo elettrodomestico. È importante notare che non tutti gli smart plug offrono il monitoraggio dell’energia: il loro focus è più sul controllo da remoto o in automatico tramite le app e l’impostazione di programmi. Tuttavia, molti monitorano anche l’elettricità consumata. Il vantaggio è che puoi semplicemente collegarli a una presa normale.

A quel punto basta collegare l’apparecchio e vedere quanta energia utilizza senza alcun lavoro aggiuntivo. Hai anche la possibilità di accendere e spegnere l’apparecchio in base a un programma progettato per risparmiare energia. Tuttavia, questa soluzione funziona in modo ottimale se si hanno a disposizione solo alcuni elettrodomestici o apparecchi che richiedono molta energia, anziché il monitoraggio di tutta la casa: è l’ideale per le persone che sono in affitto e non vogliono ricablare il quadro elettrico.

Una spina “intelligente”, in grado anche di monitorare i consumi elettrici.

Le app di smart energy, o “energia intelligente”, tentano di misurare l’utilizzo di energia domestica senza tutti i componenti separati richiesti dai sistemi di monitoraggio domestico. Alcune richiedono di misurare e registrare i consumi di singoli apparecchi, altre cercano di attingere alle letture dei contatori intelligenti locali e altre ancora stimano l’utilizzo di energia domestica basandosi sui dati locali disponibili. Ora siamo alla seconda generazione di app intelligenti per misurare l’uso di energia.

La prima generazione non era il massimo. Alcune erano incerte, altre smettevano di funzionare e altre ancora erano poco più che progetti universitari o truffe. Finora, la seconda generazione è più agile e indirizzata più verso i consumatori medi. Sebbene queste app possano essere economicamente vantaggiose rispetto ai sistemi di monitoraggio domestico, i loro dati sono raramente accurati come altre opzioni, e molte richiedono sforzi intensi prima che possano persino iniziare a lavorare.

Infine, se vuoi risparmiare sulle tue bollette di luce e di gas con una scelta “intelligente” e informata dei rispettivi fornitori, ti suggerisco la guida più completa e aggiornata sull’argomento (accompagnata da un comparatore di prezzi), che puoi trovare qui. Perché continuare a pagare l’energia, infatti, ben più della media?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *